Il denaro contante è sempre stato la scelta prioritaria per la maggior parte dei consumatori quando effettuano acquisti, mentre il pagamento con carta o altri mezzi è sempre stato secondario. Tuttavia, negli ultimi anni, il progresso della tecnologia e l'aumento delle funzionalità di pagamento di vari dispositivi, come gli smartphone, hanno fornito un vantaggio significativo per la loro graduale espansione.

Negli ultimi mesi, la pandemia COVID-19 ha causato un cambiamento di tendenza tra gli utenti e le imprese stesse. Dall'inizio della crisi, sia le banche che le piccole e grandi imprese hanno promosso l'e-commerce - shopping online - e il pagamento attraverso mezzi come Contactless - tecnologia basata sul chip NFC che permette di effettuare il pagamento semplicemente avvicinando una carta o un dispositivo compatibile al terminale POS - per evitare il contatto diretto con il denaro o con il POS stesso.

Parte di questo cambiamento è dovuto al timore dei consumatori di essere infettati dal COVID-19 attraverso il denaro contante. Tuttavia, sia l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che la Banca centrale europea (BCE) hanno negato che l'uso di banconote e monete abbia facilitato la trasmissione del coronavirus e sostengono che la probabilità di infezione con tali mezzi sia davvero bassa.

Anche così, la paura sembra essere il principale motore di questo aumento dell'uso dei mezzi di pagamento elettronici, secondo un recente rapporto dell'Universitat Oberta de Catalunya (Università aperta della Catalogna, UOC): "In alcune zone, come gli autobus pubblici a Valencia, Saragozza, Malaga o Madrid, non è nemmeno possibile pagare in contanti".

"Il denaro contante ha la tendenza a trasformare il suo utilizzo in residuo. Non sarà a breve termine, ma è a medio e lungo termine", secondo alcune dichiarazioni ai media ElPeriódico di Juan Carlos Gázquez, docente alla UOC. Dal suo punto di vista, il mercato si sta posizionando da tempo per il graduale declino dell'uso di monete e banconote, dovuto a diversi fattori, come le nuove tecnologie e l'aumento delle restrizioni imposte per prevenire il riciclaggio di denaro.

Come abbiamo commentato, dopo la dichiarazione dello stato di allarme, i prelievi di contanti presso gli sportelli automatici di banche come Caixabank sono diminuiti di oltre il 40%, mentre il calo generale dei pagamenti con carta di credito e di debito è diminuito del 30%.

Nel corso del mese di aprile, diversi settori hanno visto i loro pagamenti attraverso i POS aumentare in modo straordinario rispetto allo stesso periodo di tempo dello scorso anno 2019.

In aree come supermercati e farmacie, la fatturazione tramite carte o simili è aumentata del 65% secondo i dati della già citata Caixabank.In relazione a questi dati, va notato che le banche spagnole, su raccomandazione dell'Autorità bancaria europea (EBA), hanno aumentato le soglie massime per le transazioni tramite Contactless da 20 a 50 euro per vendita. Questa misura rimarrà in vigore durante la crisi del coronavirus ed è stata resa possibile grazie alla collaborazione delle istituzioni finanziarie con i processori Cecabank e Redsys, secondo i rapporti della Antenna 3.

Tuttavia, va notato che questo sistema di pagamento continuerà a mantenere la sicurezza, il controllo e le misure di autenticazione avanzate che comportano la necessità di dover digitare il pin quando si accumulano 150 euro di spese o cinque operazioni di fila per una maggiore sicurezza del cliente.

Al di fuori della Spagna, la tendenza è chiara anche in paesi come la Germania, dove un sondaggio recente ha rivelato che il 57% dei consumatori tedeschi ha aumentato l'uso delle carte di credito e di debito durante la pandemia, e quasi la metà di loro ha "significativamente" ridotto l'uso del contante.

Secondo le dichiarazioni raccolte dal BBC In relazione a questi dati, Georg Hauer, direttore generale per la Germania, l'Austria e la Svizzera della banca tedesca N26, ha dichiarato che il suo istituto ha registrato un calo del 56% dei prelievi agli ATM durante il primo mese di quarantena in Germania, rispetto al mese precedente.

Alla Intelligent Data siamo consapevoli della graduale transizione tra il contante e i metodi di pagamento elettronico. Per questo motivo, negli ultimi anni abbiamo lavorato alla progettazione di un terminale All in One POS multidisciplinare, l'ID42.

ID42 si presenta come una stazione di lavoro integrata affidabile e robusta con la possibilità di gestire diverse forme di raccolta a seconda delle esigenze dell'operatore, attraverso i più recenti progressi tecnici come la già citata tecnologia Contacless.

I 25 anni di esperienza di Intelligent Data nel settore e il sistema operativo Android integrato in questo dispositivo consentono una completa personalizzazione del terminale in base alle esigenze del cliente e ai possibili cambiamenti a medio e lungo termine richiesti dal mercato attuale.

Infine, nel nostro sforzo di facilitare il lavoro degli operatori dei terminali e di riunire tutte le periferiche necessarie in un unico dispositivo, abbiamo aggiunto all'ID42 un validatore di banconote in euro per individuare eventuali contraffazioni.

Altre pubblicazioni di interesse